Accade in cittàArticoli in primo pianoCronaca

Palermo, una busta con proiettile indirizza a Claudio Fava

È stata recapitata stamattina una busta contenente un proiettile calibro 7,65 al presidente della commissione regionale Antimafia Claudio Fava. Immediata la reazione della Digos che ha provveduto al sequestro e ad avviare le indagini.

Il plico è arrivato in commissione Antimafia, al piano basso di palazzo dei Normanni,  sede dell’Assemblea siciliana, a Palermo. La busta è stata aperta da alcuni collaboratori di Claudio Fava, che hanno avvisato la Digos. Oltre al proiettile non ci sarebbe stato altro all’interno della busta.

«La busta è arrivata all’Ars alla presidenza della commissione regionale Antimafia. Io non l’ho aperta perché sono a Catania. I funzionari della commissione hanno allertato immediatamente la questura di Palermo. Gli agenti della Digos sono intervenuti e stanno indagando. In questo momento non ho commenti da fare. Posso solo dire che si va avanti nonostante le intimidazioni». È quanto ha dichiarato il presidente della commissione antimafia Claudio Fava.

L’Antimafia, guidata da Fava, sta lavorando in questo periodo a diverse istruttorie, tra le quali quella sul cosiddetto “sistema Montante”, dal nome dell’ex presidente di Sicindustria arrestato per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione, nonché sul depistaggio nella strage Borsellino.

Fava è stato eletto alla guida della commissione regionale Antimafia lo scorso 16 maggio. Proprio nei giorni scorsi è diventata legge una proposta di Fava che riguarda l’obbligo per i parlamentari regionali di dichiarare la eventuale propria appartenenza alle logge massoniche.

Serena Marotta

 

fonte immagine: web

Stampa
Tags
Show More

Serena Marotta

Giornalista palermitana, classe 1976. Laureata in Giornalismo. Ha collaborato con il Giornale di Sicilia, La Repubblica, il L’Ora e scrive per diversi quotidiani online. Le sue passioni? La scrittura, il canto e la fotografia. Ama la sua città: Palermo.

Articoli correlati

Chiudi

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
Vai alla barra degli strumenti