Articoli in primo piano

Mala tempora currunt sed peiora parantur

Continua ad espandersi nel nostro Paese il virus della imbecillità.

Ci sono stati dei fatti gravi in questi mesi  che hanno visto protagonisti politici e suoi seguaci (o forse è meglio dire tifosi), inutili giornalisti legati al padrone di turno che in qualche modo aizzano la tifoseria dei cosiddetti odiatori seriali. Ed è quella propaganda a dir poco reazionaria e attuata da costoro che rendono certe persone probabilmente più stupide ed ignoranti di quelli che in effetti sono. Ed è una propaganda che fu  legata prima al razzismo nei confronti dei  meridionali i “terroni”, nemico funzionale andato bene fino ad un certo punto, fino a quando per opportunismo politico e di interesse economico questo nemico non ha avuto più bisogno di essere additato come il male assoluto ma addirittura trattato con tutto il rispetto che si possa portare a chi è disposto a calarsi le braghe davanti a coloro che per anni hanno sparso fango contro di loro, il nemico del momento Ma a quei tempi non esisteva internet e non esistevano i social dove gli stupidi odiatori danno ogni giorno il meglio di se stessi per una platea avida di vendetta che giustificasse il proprio essere dei falliti. Tutti gli insulti e le minacce fatte da stupidi alla senatrice Liliana Segre hanno portato il ministro dell’interno ad assegnarle una scorta. Altri fatti che non hanno una scorta, in questi ultimi giorni sono stati la querelle Balotelli da parte dei tifosi scaligeri che con i loro cori  razzisti hanno fatto si che la lega calcio chiudesse se pur per una settimana quella parte di stadio che si è resa protagonista dell’intolleranza non solo con i cori ed i bhuuu ma con l’esposizione di striscioni inneggianti al nazismo, facendo si che venisse applicato il daspo al capo ultras ed esponente di forza nuova locale, il quale aveva giustificato la cosa come atto goliardico, un modo come un altro per cercare di sfuggire alle proprie responsabilità. E poi c’è sempre qualche fine finto intellettuale che non si tira mai indietro nell’elargire perle di inutile saggezza con contorni di matrice fascistoide, oppure tacendo dietro a fatti di conclamata imbecillità affermando dietro a palese dimostrazione di ecumenico fascismo che esso non esiste più e che fascismo e comunismo siano due facce della stessa medaglia. Uno dei fatti venuti fuori adesso è il pentimento di “nonna hater”, quella che ha lanciato pesanti accuse al presidente della repubblica e che adesso vistasi convocata dalla pretura di Palermo con spese per il viaggio da Bologna per se e per il suo avvocato, non ha trovato di meglio che dichiararsi pentita di quello che ha detto sui social dando la colpa alle parole lanciate in quel periodo da un lato da Beppe Grillo e dall’altro da Di Battista e lei essendo una simpatizzante grillina si è lasciata prendere la mano in quel contesto molto vivace e molto violento. Altro fatto particolare è stato lo scontro in televisione tra “Brasile” fasci stello di periferia romana che parla come fosse il padrone del mondo ed il disegnatore Vauro il quale non ha avuto paura ad affrontare a muso duro questo energumeno tutto tatuato e a redarguirlo per le offese che aveva fatto ad una giornalista presente in studio. Ultima situazione la scoperta di un arsenale e di cimeli nazisti a dei personaggi di un paesino del centro Italia che avevano progettato di fare esplodere una moschea nel paese di Colle Val d’Elsa nel senese. Addirittura costoro volevano mettere su una sorta di guardia repubblicana il Mis – Movimento idea sociale, pronta ad intervenire in qualsiasi momento per attuare una giustizia sommaria senza l’aiuto delle forze dell’ordine. Altra chicca  è questa https://www.dire.it/14-11-2019/390858-video-1000-euro-a-chi-violenta-giornalisti-antifascisti-il-vikingo-fabbri-nei-guai/. Ora cosa altro si può dire di questi esaltati?

Liborio Martorana

(fonte immagine: web)

Stampa
Show More

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

20 − venti =

Chiudi

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
Vai alla barra degli strumenti