L'opinione di...

L’USO, L’ABUSO E LA NEO-LINGUA

È strano, non troppo in realtà in uno stato borghese, come l'apparenza di due fazioni contrapposte ed in eterno alterco, si risolva poi nella realtà dell'una che tira la volata all'altra.

di giandiego marigo                                                                             30/07/2020

Ormai mi sono quasi abituato alla berlina, alla mordacchia dell’ironia e dell’insulto, dell’isolamento con pietismo. Però è grave che ormai sia così. L’uso della denigrazione, della derisione, dell’ironia cinica e finalizzata all’umiliazione ed all’annullamento dell’avversario on line.

È neo-lingua, trasversale, usata da tutti; in modo più volgare e grezzo, come piace al loro popolo, dalla Bestia di Salvini e Meloni, ma condivisa, nei fatti, dai chierici di sinistra on line e no. Ormai si fa così! Leggi della comunicazione finalizzata, Manipolazione quasi inconsapevole … deformazione da leggi di mercato.

Coloro che esprimono dubbi o dissenso da una parte e dall’altra, divengono bersaglio di qualsivoglia sberleffo, insulto, vituperio è successo ai molti che si sono opposti al salvinismo, ma sta accadendo, purtroppo anche a coloro che che dissentono dal peana a San Giuseppe Conte protettore del Lockdown & C., ormai un “Complottista”, un “Covidiota”,un “Negazionista” non si nega a nessuno, che abbia titolo o meno, che esprima un dubbio meditato ed accettabile … dialettico oppure dica davvero un’idiozia. Conta poco l’errore è essere fuori dal coro, non la canzone.

È grave, a mio umilissimo parere ed è sbagliato, ci si uniforma al peggio, si accettano le logiche al ribasso, la neo-lingua dello scontro fra tifoserie senza idee, divide ed impera.

Così come grave è l’inutile prolungamento dell’emergenza, non tanto per il Golpe che non c’è e che i “candidati golpisti” paventano a gran voce, ma strumentalmente a destra e a manca, ma perchè crea un precedente istituzionalmente grave, per altro lo prolunga, visto che è già stato creato. Purtroppo!

Se anche non fosse, che Conte, le sue task force incrociate … e tutti i suoi supporters abbiano cattive intenzioni; essi creano un precedente e non a caso l’Europa li lascia fare … anzi.

Chiunque sia “legittimato” (in un regime di democrazia sempre più formale) da una carica istituzionale, più o meno derivante da un’elezione, da oggi potrà, senza troppe spiegazioni ed usando le forze dell’ordine a garanzia, approfittare della propria maggioranza parlamentare per stabilire uno “Stato di Emergenza” anche preventivo ed in assenza di una problematica reale, passando sopra alla costituzione.

È strano, non troppo in realtà in uno stato borghese, come l’apparenza di due fazioni contrapposte ed in eterno alterco, si risolva poi nella realtà dell’una che tira la volata all’altra. Il Governo Conte prepara la strada al Salvinismo?

È dimostrato che molte delle regressioni sui diritti siano state “realizzate” in tempi di governo pseudo sinistroso, ammesso che in Italia ci sia mai stato un governo che non fosse fondamentalmente democristiano.

La destra impone un abbassamento del livello di linguaggio nello scontro e la “cosiddetta” sinistra aderendovi ed abbassando sé stessa, lo legittima. Una pseudo sinistra si fa garante di uno stato di emergenza “continuato” preparando il terreno alla conservazione che lo userà, con molti meno scrupoli.

Il tutto condito da opposte tifoserie che si insultano vicendevolmente a sangue sull’inutile e sul nulla,litigando su bandiere di sui al potere frega poco o nulla.

Mentre sempre più il mondo si tramuta nell’ imperium delle Multinazionali, che usano i confini e le patrie, così come le opposte fazioni, solo per controllare un popolo sempre più prostrato, consumatore e Bue.

Fantascienza distopica, mi piacerebbe, ma temo non sia così. Temo che davvero stiano cambiandoci il mondo sotto i piedi e che la nostra capacità di reazione e di adattamento non sia contemplata, anzi sia accuratamente elusa.

(fonte immagine:web)

Stampa
Show More

Articoli correlati

Chiudi

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
Vai alla barra degli strumenti