Articoli in primo pianoCronacaDietro le quinte

#IOACCOLGO

Accogliere significa “ricevere presso di sé, ammettere nel proprio gruppo”.  Un verbo ormai in disuso, se vogliamo riallacciarci ai fatti di cronaca ai quali si assiste. In disuso, sì. Proprio perché il modello di società che si tende ad imporre in un’era quella della post-globalizzazione, dove capitali e merci circolano liberamente, si assiste ai limiti della circolazione degli uomini.

Si dovrebbe respirare un senso di inclusione sociale con lo scopo di promuovere i diritti dei migranti e combattere contro ogni forma di discriminazione, a cominciare da quella lavorativa.

Manca il rispetto.

Lunaria si impegna ogni giorno dal 2011 per raccontare e contrastare il razzismo in Italia. Sono tante le iniziative e le campagne promosse da questa associazione fondata nel 1992 senza fini di lucro, laica e indipendente e autonoma dai partiti.  

Sono tanti i dati raccolti da testimonianze che parlano di numeri sconfortanti: 628 casi di violenze verbali e fisiche, discriminazioni e danneggiamenti di matrice xenofoba e razzista. Non si tratta di dati ufficiali, ma di dati raccolti da Lunaria nel 2018, che denuncia “l’evoluzione del razzismo quotidiano per renderlo visibile e attivare forme di sensibilizzazione, di solidarietà e di tutela.”

E allora come combatterlo? “Occorre oggi più che mai unire le forze e reagire lì dove siamo.”, si legge sul sito dell’associazione.

Per esempio, a piazza di Spagna, nella Capitale. È una nuova campagna che si chiama “Io accolgo. L’accoglienza ha bisogno di tutti” che si pone accanto all’Italia del rifiuto e dell’intolleranza e che è quella al contrario della solidarietà, dell’umanità e dell’accoglienza. Lunaria non è sola: fa parte di altre 46 organizzazioni promotrici di Io accolgo, che il 13 giugno scorso, è cominciata partendo proprio da Roma e dove si è assistito ad un’immagine strepitosa che ha visto piazza di spagna coperta d’oro.

Da Roma a Cagliari: l’iniziativa si sta estendendo anche lì, l’8 luglio alle ore 16 in viale Monastir, 17.

In tutto questo agire, c’è la volontà di “dare voce e sostegno concreto a chi non ce l’ha”. Si parla, ad esempio di persone che sono richiedenti asilo, che sono state cacciate da un giorno all’altro da un centro di accoglienza.

Ma ciò non fa notizia.

Serena Marotta

fonte immagine: Lunaria e Io Accolgo

Stampa
Show More

Serena Marotta

Giornalista palermitana, classe 1976. Laureata in Giornalismo. Ha collaborato con il Giornale di Sicilia, La Repubblica, il L’Ora e scrive per diversi quotidiani online. Le sue passioni? La scrittura, il canto e la fotografia. Ama la sua città: Palermo.

Articoli correlati

9 Commenti

  1. Have you ever thought about creating an e-book or guest authoring on other websites? I have a blog centered on the same subjects you discuss and would love to have you share some stories/information. I know my subscribers would value your work. If you’re even remotely interested, feel free to shoot me an email.

  2. What’s Taking place i’m new to this, I stumbled upon this I’ve discovered It absolutely useful and it has aided me out loads. I hope to contribute & assist other customers like its helped me. Great job.

  3. hello there and thanks for your info – I’ve certainly picked up anything new from proper here. I did alternatively expertise several technical points the usage of this site, since I skilled to reload the website lots of occasions prior to I may get it to load correctly. I had been considering if your web hosting is OK? Now not that I’m complaining, but sluggish loading circumstances times will often impact your placement in google and can injury your high-quality score if advertising and ***********|advertising|advertising|advertising and *********** with Adwords. Anyway I am adding this RSS to my email and could look out for a lot extra of your respective interesting content. Make sure you replace this again soon..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

due × cinque =

Chiudi

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
Vai alla barra degli strumenti