Articoli in primo pianoCronaca

Carola Rackete in tribunale ad Agrigento, ad accoglierla cittadini con striscioni di solidarietà

Sugli striscioni la scritta: "Salvare vite umane non è reato"

La capitana tedesca Carola Rackete è arrivata a piedi insieme ai suoi avvocati: Leonardo Marino e Alessandro Gamberini alle 9,45 circa al tribunale di Agrigento per essere interrogata dal procuratore Salvatore Vella e dai sostituti Alessandra Russo e Cecilia Baravelli.

Ad accoglierla, fuori dal Palazzo di Giustizia, striscioni con su scritto: “Salvare vite umane non è reato”, firmati dai cittadini, che si sono riuniti con un sit-in di solidarietà davanti all’ingresso del tribunale.

È per Rackete il primo interrogatorio, cioè quello che ipotizza il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e la disobbedienza alla nave da guerra.

Dopo l’udienza, la comandante della ‘Sea Watch 3’ non ha parlato con i cronisti, con ogni probabilità, come fanno sapere dallo staff della ong tedesca, Rackete potrebbe fare una dichiarazione.

Maria Cristina Groppo

fonte immagine: web

Stampa
Show More

Serena Marotta

Giornalista palermitana, classe 1976. Laureata in Giornalismo. Ha collaborato con il Giornale di Sicilia, La Repubblica, il L’Ora e scrive per diversi quotidiani online. Le sue passioni? La scrittura, il canto e la fotografia. Ama la sua città: Palermo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

quattordici − dodici =

Chiudi

Adblock Detected

Please consider supporting us by disabling your ad blocker
Vai alla barra degli strumenti